Di seguito, pubblichiamo un’intervista con le domande più gettonate che vengono rivolte, in showroom ed online, al nostro Danny Zavatti, prima dell’acquisto di una piscina.

Da più di 30 anni, con la tua famiglia, sei protagonista nel settore piscina. Quali sono le differenze sostanziali a livello costruttivo e di filtrazione dell’acqua tra i vari tipi di vasca?

In primis, bisogna focalizzarsi su un aspetto importante, esistono due categorie di piscina: quella a skimmer e quella a sfioro. Oltre al punto di vista prettamente estetico, ci sono sostanziali differenze tecniche, di filtrazione ed ovviamente economiche. Per quanto ci riguarda, abbiamo progettato e brevettato anche la variante costruttiva a sfioro senza vasca di compenso. Un sistema davvero rivoluzionario!

In una piscina a skimmer, di solito, il livello dell’acqua si trova sempre tra i 12 ed i 15 cm rispetto al bordo perimetrale della vasca. È il classico modo di intendere la piscina come una vasca d’acqua standard, molto basica e che spesso troviamo in ambienti pubblici e strutture ricettive, soprattutto di vecchia data. Nello specifico, l’acqua viene convogliata verso gli impianti di filtraggio da bocchette ed aspirata dagli skimmer che ne consentono, così, la pulizia da fogliame e dallo sporco in generale. L’acqua aspirata passa, poi, attraverso il sistema di filtrazione e rientra in piscina tramite le bocchette lungo le pareti verticali della vasca. Anche a livello energetico, non è il massimo del risparmio. Infatti, questa soluzione costruttiva risulta essere la più onerosa a livello di gestione. Per questo è consigliabile per tipi di piscine piccole, interrate e di forma minimal rettangolare.

Come ipotizzabile, è sicuramente la variante più economica. Se studiata correttamente, mantiene comunque una disinfezione ed una pulizia in piscina di buon livello. Per quanto riguarda l’aspetto realizzativo, nella maggior parte dei casi, è costruita in cemento armato, pannelli d’acciaio o vetroresina. Se ci soffermiamo, poi, sul lato estetico, è facile intuire che non sia proprio un bel vedere, soprattutto al giorno d’oggi, dove si dà molto risalto al design. Lo stacco tra bordo vasca e linea d’acqua, è sicuramente uno dei punti a sfavore di una piscina a skimmer. Per non parlare poi, della cosiddetta “linea di sporco”, ovvero quella tipica riga scura, lasciata scoperta dal rivestimento e che si forma, con il tempo, a causa del sole, del grasso della pelle e di agenti chimici presenti all’interno di creme abbronzanti o prodotti non idonei alla cura della propria piscina.

piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti
piscina a sfioro zavatti

E, da esperto del settore, su una piscina a sfioro, cosa puoi dirci?

La soluzione costruttiva a sfioro è innegabilmente la piscina per antonomasia, bella ed importante, sotto ogni punto di vista. È possibile realizzarla solo affidandosi a personale esperto e qualificato, dotandola di ogni forma di comfort come zone relax, spiagge e di tutte le rifiniture di lusso desiderate, a seconda dei gusti e delle richieste del cliente. La piscina a sfioro, elimina completamente i difetti e le imperfezioni di filtrazione che, di solito, si possono riscontrare in una tradizionale piscina a skimmer, ma non per questo è esente da “critiche”.

Infatti, la variante a sfioro si prevede con vasca di compensazione che, appunto, serve a “compensare” i volumi d’acqua che le persone utilizzano durante la balneazione. La vasca di compenso è una struttura laterale che capta l’acqua superficiale, indirizzandola verso i sistemi di filtrazione e che permette di mantenere invariato il livello dell’acqua in piscina.

Il sistema di piscina a sfioro permette una filtrazione dell’acqua sicuramente più accurata, approfondita e perfetta, perché la tracimazione continua dell’acqua stessa mantiene sempre la superficie perfettamente pulita. Questo tipo di piscine sono dotate di bocchette di immissione, ma non di skimmer aspiranti, perché tutto il perimetro della vasca diventa un “unico e grande skimmer”.

Nello specifico, l’acqua tracima oltre la fine della parete della vasca, finisce in una canala, viene inviata poi alla vasca di compenso, prelevata dalla pompa, filtrata e re-immessa in piscina tramite bocchette di mandata generalmente poste sul fondo della piscina.

Questo ricircolo di acqua influisce positivamente anche per quanto riguarda l’aspetto esteriore di tutta la struttura, alla quale viene donato un fascino indiscutibile. In una vasca a sfioro, è facile intuire che l’acqua va a lambire, quasi impercettibilmente il livello della pavimentazione. L’affascinante ed ipnotico effetto cosiddetto a “specchio” si ottiene grazie al fatto che l’acqua viene dirottata in griglie installate in prossimità del perimetro della piscina.

Hai accennato, poi, al vostro rivoluzionario sistema a sfioro senza vasca di compenso…  

Con mio padre, ad un certo punto, ci siamo resi conto che il settore della piscina era fermo da un bel po’ di anni e per questo motivo abbiamo voluto e dovuto reinvertarci e produrre un sistema esclusivo ed innovativo che potesse riprodurre tutti i vantaggi delle piscine a sfioro con la funzionalità e la praticità di gestione delle piscine a skimmer. Così, ad oggi, siamo gli unici sul mercato che progettano, realizzano ed installano piscine a sfioro senza vasca di compenso. Soluzione che mostriamo con orgoglio, passione ed entusiasmo a chiunque voglia onorarci della sua presenza presso il nostro showroom di Poggio Rusco, in provincia di Mantova.

Questo sistema lo abbiamo battezzato “Mia” che è il nome di mia figlia e che sta a testimoniare, ancora una volta, tutta la nostra volontà di restare comunque un’azienda a carattere familiare! Per l’idea volevamo qualcosa di bello, funzionale e pratico per il cliente finale. Nella nostra piscina la continua tracimazione dell’acqua crea un’ossigenazione naturale dell’acqua stessa, abbattendo così l’utilizzo di prodotti disinfettanti e sfruttando pienamente l’energia degli impianti di filtrazione, tutti realizzati esclusivamente nei nostri stabilimenti da addetti ai lavori specializzati e con materiali assolutamente certificati.

Il sistema costruttivo MIA by Zavatti è completamente anti-sismico, con pareti in Easyblok, che danno forma alla piscina, garantendo prestazioni affidabili e performanti, grazie alla nostra struttura perimetrale isotermica da ben 50 cm. Inoltre, come già anticipato, le nostre silenziose pompe di filtrazione permettono alle impurità di non depositarsi in superficie, filtrandole immediatamente e garantendo, così, un elevatissimo rendimento con un’acqua cristallina e batteriologicamente pura.

In conclusione Danny, che progetti avete per il futuro?

Quello che più ci sta a cuore è la continua crescita aziendale e gli innumerevoli feedback positivi, nel corso degli anni, testimoniamo la bontà del nostro lavoro quotidiano. Ci danno la forza di portare avanti le esclusive ed innovative idee per il settore piscina e di investire nella ricerca e nello sviluppo di sistemi costruttivi sempre all’avanguardia.